giovedì 18 maggio 2017

tempo e ciambelle al cioccolato

Leone ha già 5 mesi
per dirla tutta a settembre Vic andrà alla scuola media
Ettore compirà 9 anni
il tempo sembra sfuggire dalle mani

per fermarlo nella mia mente spesso lo collego a un profumo a un momento solo mio e dei bimbi
ultimamente la ciambella al cioccolato sta diventando un rito bloccatempo


Ettore ama prepararla alla sera
quando Leone dorme, fortunatamente si addormenta verso le 20.30 e così abbiamo tutto il tempo
di osservare la torta lievitare nel forno


come potete osservare ne ho diverse versione fatte in giorni diversi, 
 da noi una torta più di un giorno non dura,
e come per i film andiamo a periodi e questo senza ombra di dubbio è il periodo della 
Ciambella di Ettore

Ricettina ciambella al cioccolato di ETTORE
(questo titolo che mi fa pensare un po' pensare alla crema alla Edgard degli Aristogatti)

ingredienti
3 uova
zucchero 150 gr (Ettore direbbe tanto se no non si può chiamare dolce)
1 tazzina olio semi (125 ml)
1 tazzina acqua (125 ml)
250 gr farina
2 cucchiai cacao amaro
1 bustina lievito

forno 180 gradi per 30 minutini

p.s. abbondante zucchero a velo 


se la provate fatemi sapere

un abbraccio

Fede

lunedì 15 maggio 2017

J'attendrai... un sogno ad occhi aperti (seconda puntata)


"... Il suono della campanella della porta d'ingresso la scuote dal suo torpore. Si congeda da madame Blanchard e corre ad aprire. Sulla soglia mademoiselle Duval. Capo chino, capelli raccolti e voce sussurrata, Marguerite Duval e' la timidezza in persona. Insegnante di pianoforte e' una delle clienti abituali del negozio. Le sue gonne sono sempre tutte sotto al ginocchio nella tonalità grigio talpa. Tutte inevitabilmente identiche. A volte varia nella lunghezza, un centimetro massimo, mai di più! Indossa una delle sue innumerevoli camicette bianche con il colletto alto ed il fiocco nero davanti. Ai piedi un unico tocco di colore, un paio di ballerine rosso rubino che ha sempre fatto sospettare a Marie, che sotto la corazza di contegno e timidezza, mademoiselle Duval sia un vulcano pronto ad esplodere. 



Marie segue il suo sguardo e vede che si accende di interesse quando si posa sulla sua gonna. Accidenti a lei. La telefonata con madame Blanchard l'ha talmente sconvolta che si e' dimenticata di cambiarsi ed indossa ancora la sua gonna a fiori svolazzante e vivace. 
"Buongiorno mademoiselle, si accomodi nel salottino di prova. Io corro a cambiarmi ed arrivo subito" 



Marie lascia entrare Marguerite e scappa ad indossare la sua divisa rigorosamente grigia. Con guance rosse per l'imbarazzo e le mani sudate per l'agitazione entra nel salottino quesi correndo. Margherite e' seduta sul divanetto in raso, le mani posate in grembo contratte come se stesse lottando contro se stessa per vincer il disagio e fare un salto oltre l'ostacolo. Quando Marie si avvicina con le gonne di prova, la ragazza con una voce sottile, che Marie riconosce appena, le chiede 
"Quella gonna... il modello che indossava prima ... la producete qui in atelier?". 
Marie colta di sorpresa china la testa e sussurra.  
"Oh non e' nulla mademoiselle e' solo una delle mie creazioni... le faccio per me, solo per me. Le indosso nella vita privata e mai sul lavoro e le sarei grata se non ne facesse parola con madame Blanchard...".
"Le fa lei?"
"Si. Mi ha insegnato mia nonna a cucire. E' una passione che ci ha unito in passato e ci unisce ancora oggi che lei non c'e più"
Marie si commuove. Raramente parla di sua nonna e del suo passato. Da quando e' arrivata a Parigi ed ha trovato lavoro all'atelier vive praticamente sempre lì e la sera quando arriva nella sua chambre de bonne con vista sui tetti e' talmente tanto stanca da non aver altro desiderio se non quello di stendersi sul letto ed addormentarsi il più velocemente possibile. 
Marguerite si siede ed invita Marie a farle compagnia...



La ragazza sorpresa ed imbarazzata in un primo momento rifiuta, ma poi vinta da quella giornata ricca di emozioni si lascia cadere sul raso delicato del sofà. 
Marguerite guarda Marie diritta negli occhi ostentando una sicurezza che la ragazza non aveva mai neppure lontanamente  intravisto. 
"Ne faccia una per me. Una delle sue bellissime gonne colorate. La prego Marie non dica di no". 
Marie non sa cosa rispondere 
"Ma io veramente... "
" So cosa sta pensando. Se lo tolga dalla testa... ho visto come la tratta madame Blanchard é sebbene io rispetti il talento ed il suo spirito creativo non condivido tutto ciò che fa o pensa. Lei,  mia cara e' un'anima gentile e romantica ed e' quel che mette in ciò che crea e' stupefacente. Da tempo sento un'insisente voglia di cambiamento, ma, fino ad oggi, non avevo capito che cosa desiderassi davvero... Non mi chieda perché, ma sono convinta che lei puo aiutarmi... Se mi osserva cosa vede?"
Marie ancora confusa osserva Marguerite nei suoi occhi scuri e dietro all'espressione seria li vede sorridere... 



"Vedo del rosso... rubino... ciliegia e ancora del grigio, ma deciso ... Ragione e sentimento. Passione ed intelligenza. Colori vivi, nessuna sfumatura. Vedo carattere, se fosse musica, un tango, se fosse un libro Cime Tempestose... ecco cosa vedo".
Marie e' un fiume in piena. Inarrestabile. La sua foga creativa, a lungo repressa, ha rotto gli argini. 
Quando alza lo sguardo ancora infervorata ed osserva il bel volto di Marguerite Duval, per la prima volta la vede sorridere non solo con lo sguardo, ma con ogni parte del viso... ogni poro della pelle, ogni muscolo del corpo... 
Marguerite Duval stava sbocciando e lei l'avrebbe aiutata a fiorire! Per un attimo pensa alle conseguenze di quel che sta per fare..., ma se riesce a mantenere il segreto... e nello stesso tempo realizzare la richiesta di mademoiselle Dumas perché no... La passione che la spinge e' troppo grande... 
Quando le due ragazze si congedano si scambiano uno sguardo complice che solo chi condivide un segreto può comprendere..."


grazie per essere passate vi aspettiamo martedì prossimo 
la prima parte la trovate qui

un abbraccio

Fede

p.s. un grandissimo grazie a Micaela per essere semplicemente Lei